AGENZIA DEL LAVORO, DELOGU: “PIGLIARU DIMENTICA I DISABILI ESCLUSI”

La dura lettera della presidente dell’Associazione Progetto Lavor@bile Sardegna Onlus, Ermelinda Delogu al presidente della Regione, Pigliaru: “Perchè i disabili che avevano superato a suo tempo le selezioni a pieno titolo ancora oggi sono esclusi dal mondo del lavoro e mai reintegrati negli ex C.s.l?”

di Ermelinda Delogupresidente Associazione Progetto Lavor@bile Sardegna ONLUS 

Un lettera inviata tramite pec dalla sottoscritta presidente Ermelinda Delogu, (presidente ass.prog.lavor@bile Sardegna Onlus), al Presidente della Regione Pigliaru “sulle situazione e le scelte discutibili fatte a danno dei sardi”, nel testo della missiva sono state evidenziate “le mancate attuazioni per i lavoratori del Progetto Lavor@bile causate dall’indifferenza al rispetto del diritto da parte dell’Assessorato al Lavoro, dell’Assessorato al Personale e dall’Aspal”. Nel documento si sollecita inoltre la risposta alla comunicazione inviata dalle associazioni di categoria e dai sindacati per il grave stato in cui versa il mondo del lavoro e l’applicazione della L. 68/99. 

Ill.mo Presidente, poche e brevi parole solo per comunicare il nostro disappunto per l’operato deludente della sua Giunta che in due anni non è stata in grado di far applicare tutte le disposizioni previste per i lavoratori del Progetto Lavor@bile. Ad oggi malgrado presenti nell’organico ASPAL all’art. 37 comma 10 della Legge n° 9 del 17 Maggio 2016 , nessuno dei suddetti lavoratori ha trovato collocazione all’interno dell’agenzia sarda per il lavoro. fallimento del suo operato, della legalità, del Diritto e della Giustizia. Questo sarà scritto nei libri quando si parlerà del suo (non) governo. Neanche aver vissuto personalmente il disagio della malattia l’ ha indotta a porre fine alla discriminazione che stiamo subendo.

Per noi la disabilità è stata arricchimento di umanità e comprensione verso i più deboli, ma evidentemente è diverso lo spessore umano e la sensibilità di chi vive tale stato. Ci consola (vista l’indifferenza da lei dimostrata) che a breve il suo mandato scadrà e il suo (non) governo verrà archiviato e ricordato solo per tutti i torti subiti dai sardi. Primo fra tutti il disastro della sanità con la chiusura e l’eliminazione di servizi vitali per il benessere e la salute dei cittadini. Averci reso ostaggi della nostra isola a causa della politica fallimentare che avete messo in atto sui trasporti. La fuga dei giovani verso altri luoghi alla ricerca di un lavoro, perchè in tre anni di assenza totale di politiche del lavoro, siete stati in grado di programmare solo tirocini per incrementare le file dei disoccupati e avete creato solo false aspettative e distrutto il futuro dei nostri figli. Questo e tanto altro è il segno che lei lascerà. Comunque, sarà un vero piacere ritornare dentro la cabina elettorale per esprimere democraticamente il nostro pensiero proprio come lo stiamo facendo adesso, con questa lettera che è il preludio di un giudizio che lei ci ha costretti a scrivere con le sue azioni, le sue scelte e i suoi colpevoli silenzio istituzionali. Concludo sottolineando che le Associazioni e i sindacati firmatari del documento inviato alla sua attenzione all’inizio del mese sono ancora in attesa di risposte.

(Ermelinda Delogu, presidente Associazione Progetto Lavor@bile Sardegna ONLUS)

Fonte   Castedduonline il 17 Luglio 2017

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments