ERMELINDA DELOGU (ASSOCIAZIONE PROGETTO LAVOR@BILE) RISPONDE ALL’ASSESSORE VIRGINIA MURA

Ermelinda Delogu, Presidente dell’Associazione Progetto Lavor@bile Sardegna O.N.L.U.S., ha rilasciato un comunicato in cui risponde all’intervista rilasciata dall’Assessore al Lavoro della Regione Sardegna, Virginia Mura, affermando che “parlare senza contradditorio espone i cittadini a una informazione parziale dei fatti. Nei tempi a noicontemporanei, di mala-politica ne abbiamo per tutti i gusti, sopratutto quello che si evidenzia in maniera piùprorompente e, purtroppo, più brutale sono le conseguenze successive a quelle pessime decisioni prese solo pensando al proprio tornaconto. Ma cosa succede se i soggetti colpiti sono disabili, è solo mala-politica oppure vi si aggiunge anche la Discriminazione ?”

“La vicenda dei lavoratori del Progetto Lavor@abile ne è il manifesto più lampante e che smentisce le affermazioni dell’Assessore Mura. La nostra qualifica è di operatori computer assunti per l’aggiornamento del SIL Sardegna (propietà RAS, Assessorato al Lavoro) con contratti subordinati a tempo determinato dopo aver partecipato ad una selezione pubblica e aver superato una prova d’esame, nel pieno e più assoluto rispetto della Legge sulle assunzioni nella Pubblica Amministrazione. Il progetto, perciò, ha avuto anche la funzione di qualificare chi ne ha preso parte. Negli anni però la Regione Sardegna non ha riconosciuto la professionalità acquisita e i licenziamenti non si sono fatti attendere, impedendoci di partecipare al percorso di stabilizzazione lavorativa al pari di tutti gli altri operatori dei (allora ) CSL. Siamo stati costretti così, ad una lotta per poter vedere i nostri diritti riconosciuti e riacquisire il posto di lavoro”.

Quando – continua la Delogu – nella Legge Finanziaria n° 5 del 9 Marzo 2015 art. 29 comma 35 venne inserito dalla neo insediata Giunta Regionale Pigliaru, il riconoscimento della professionalità acquisita, come “Operatori SIL Sardegna” (si ricorda che il SIL Sardegna è dell’Assessorato al Lavoro) con conseguente reintegro lavorativo abbiamo pensato che l’Assessore Mura avrebbe dato subito avvio a quello che il Legislatore normava. MA COSI’
NON E’ STATO. Poi è arrivata la riorganizzazione dei Centri per l’Impiego, la famosa e tanto attesa Leggen°9 del 17 Maggio 2016 art. 37 comma 10, anche qui c’è stato grande riconoscimento della nostra presenzanella nuova ASPAL. Ancora una volta abbiamo atteso che l’Assessorato al Lavoro disponesse quantonecessitava per il nostro reintegro al lavoro. MA COSI’ NON E’ STATO. Poi è arrivata la Determina diGiunta del 28 Giungo 2016 che impartiva disposizioni per il Piano di Subentro. Anche qui venimo normati, al pari degli altri colleghi precari che lavorano nei centri per l’impiego. Abbiamo atteso AZIONI VERE E CONCRETE che una volta per tutte ci rendesse quella Giustizia tanto attesa, agognata, sognata fino ad allora negata dall’Assessore al Lavoro. Ma, ancora una volta COSI’ NON E’ STATO. Ci siamo rivolti al Presidente della Regione Francesco Pigliaru e al Presidente del Consiglio Regionale Gianfranco Ganau , per chiedere a loro com’è possibile che Leggi ben precise, votate all’unanimità in Consiglio Regionale,vengano ignorate dall’Assessorato al Lavoro , ma, e ancora di più, come era possibile che un Assessorerifiuti con il più assordante silenzio le richieste di incontro per avere chiarimenti sui comportamenti discutibili che tiene, comportandosi in modo da non lasciare dubbi sul disprezzo che prova nel trattare un argomento che riguarda dei disabili, quindi persone che già di per sè dovrebbero avere un attenzione maggiore, ma è,sopratutto in presenza di Leggi nazionali, europee e mondiali che li normano e li tutelano, nella vita sociale e nel lavoro, affinchè non vi sia DISCRIMINAZIONE”.

“La negligenza protratta -conclude – dimostra che l’Assessore fino ad ora non ha compiuto mai un vero atto di politica per apporre migliorie al sistema lavorativo sardo, quindi l’Associazione Progetto Lavor@bile non condivide le affermazioni di soddisfazione che l’Assessore rilascia nell’intervista. L’alto tasso di disoccupazione che
affligge la Sardegna, è una realtà che, evidentemente, sfugge alla dott.ssa Mura, e lo dimostrano le affermazioni che rilascia e che offendono tutti i disoccupati sardi che ogni giorno devono fare i conti con larealtà. Ha veramente poco da vantarsi del lavoro svolto e bene farebbe anziché sciorinare dati che sono fumo negli occhi, a cominciare a fare programmazione reale che riporti il lavoro al centro dell’agenda della politica regionale. Nelle Finanziarie 2015 e 2016 non c’è ombra di politiche attive del lavoro e a Luglio 2016 i sindacati regionali hanno bocciato il lavoro dell’Assessore, criticando aspramente il suo operato. Per quanto ci riguarda e senza paura di essere smentiti, l’Associazione Progetto Lavor@bile, prima vittima
dell’Assessore, manifesta il proprio dissenso per l’operato della dott.ssa Mura associandosi a quanto criticato e denunciato dalle parti sociali, dall’opposizione regionale e dai cittadini comuni”.

Fonte Il Giorno Di Sassari 24 Agosto 2016

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments